15 Dicembre 2018
[]

News

Quando le fatture sono generiche, il Fisco si basa sui minimi tariffari

25-03-2013 10:25 - CONTENZIOSO TRIBUTARIO
L´accertamento induttivo è possibile, anche se la contabilità risulta regolare, quando le ricevute rilasciate non contengono dettagli specifici sui compensi professionali.


Gli uffici possono rideterminare il reddito d´impresa di persone fisiche e società commerciali, e quello di lavoro autonomo di artisti e professionisti, al di là del fatto che le carte sono a posto, basandosi su presunzioni dotate di gravità, precisione e concordanza.
La conferma arriva dalla Corte di cassazione con l´ordinanza n. 6527 del 14 marzo.

La vicenda
L´ufficio aveva emesso, a carico di uno studio associato di ragionieri, un avviso di accertamento ai fini Irap e Iva per l´anno d´imposta 2009, dopo aver ricostruito in via induttiva il maggior reddito.

L´atto impositivo era stato impugnato dinanzi ai giudici di merito che ne avevano dichiarato l´illegittimità.
In particolare, secondo la Commissione tributaria regionale, l´Amministrazione finanziaria non avrebbe potuto avvalersi del metodo induttivo, essendo la contabilità regolare. Né avrebbe potuto fondare l´accertamento sul tariffario professionale, dal momento che i professionisti dello studio venivano pagati con importi inferiori, che non sempre riscuotevano e che in parte affluivano a un´altra società partecipata dagli stessi.

Il ricorso
Avverso la sentenza dei giudici di appello, l´Agenzia delle Entrate ricorreva per cassazione, lamentando vizi di motivazione, in quanto la Commissione tributaria regionale non aveva enunciato chiaramente, se non in modo apparente, le ragioni poste a base del suo convincimento.

Per il Fisco, le dichiarazioni testimoniali rese dai clienti dello studio, peraltro posteriori all´accertamento e assunte senza contraddittorio, non potevano ritenersi rilevanti alla luce del divieto di prova per testimoni.
Inoltre, le fatture emesse erano del tutto generiche e, in sede di verifica, gli ispettori avevano riscontrato un saldo di cassa negativo.

Per i motivi appena esposti, l´ufficio delle Entrate aveva ritenuto opportuno procedere all´accertamento del reddito professionale facendo riferimento ai minimi tariffari.
Pertanto, il metodo analitico-induttivo prescelto si basava su presunzioni aventi i caratteri della gravità, della precisione e della concordanza.

La sentenza
Con l´ordinanza 6527 del 14 marzo, la Corte di cassazione ha accolto il ricorso dell´Agenzia delle Entrate.
Va innanzitutto ricordato che l´articolo 39 del Dpr 600/1973 consente all´Amministrazione finanziaria di determinare in via induttiva - o extracontabile - il reddito d´impresa delle persone fisiche e delle società commerciali, nonché il reddito di lavoro autonomo di artisti e professionisti.
In particolare, l´accertamento analitico-induttivo è disciplinato dal comma 1, lettera d), dello stesso articolo 39, secondo cui l´ufficio procede alla rettifica "se l´incompletezza, la falsità o l´inesattezza degli elementi indicati nella dichiarazione e nei relativi allegati risulta dall´ispezione delle scritture contabili e dalle altre verifiche di cui all´articolo 33 ovvero dal controllo della completezza, esattezza e veridicità delle registrazioni contabili sulla scorta delle fatture e degli altri atti e documenti relativi all´impresa nonché dei dati e delle notizie raccolti dall´ufficio nei modi previsti dall´articolo 32. L´esistenza di attività non dichiarate o la inesistenza di passività dichiarate è desumibile anche sulla base di presunzioni semplici, purché queste siano gravi, precise e concordanti".
In sostanza, pur in presenza di una contabilità formalmente e sostanzialmente regolare, l´Agenzia delle Entrate può procedere all´accertamento di un maggior reddito avvalendosi di prove presuntive, purché gravi, precise e concordanti.

Con riferimento al caso sottoposto alla loro attenzione, i giudici di legittimità hanno ribadito che, in tema di accertamento delle imposte sui redditi, l´omessa indicazione nelle fatture dei dati prescritti dall´articolo 21 del Dpr 633/1972 integra quelle gravi irregolarità che, ai sensi dell´articolo 39 del Dpr 600/1973, legittimano l´Amministrazione finanziaria a ricorrere all´accertamento induttivo del reddito imponibile (cfr Corte di cassazione, sentenze 5748/2010 e 27063/2007).
Nel caso in esame, le fatture non recavano l´indicazione della natura, del periodo e dell´importo delle prestazioni professionali.

Peraltro, hanno affermato i giudici di piazza Cavour, "in tema di accertamento delle imposte sui redditi, rientra nel potere dell´Amministrazione finanziaria, nell´ambito della previsione di legge, di scegliere il metodo di accertamento da utilizzare nel caso concreto e, pertanto, parte contribuente, in assenza di peculiarità pregiudizievoli, non ha titolo a dolersi della scelta operata, come nella specie" (cfr Corte di cassazione, sentenze 8333/2012 e 19258/2005).

Dunque, la Corte di cassazione, non avendo riscontrato una motivazione adeguata e giuridicamente corretta, ha cassato la sentenza impugnata dal Fisco e ha rinviato la causa, per un nuovo esame, ad altra sezione della Commissione tributaria regionale.
Spetterà a quest´ultima, in diversa composizione, applicare i principi di diritto espressi nella pronuncia 6527/2013.


Fonte: Fisco Oggi

Ufficio autorizzato Caf CGN

News

AGRITURISMO

15-11-2018 17:48 Fonte: www.ecnews.it - AGRICOLTURA
[ continua ]

Responsabilità e dichiarazione precompilata

29-08-2018 16:54 Fonte: www.ecnews.it - IRPEF
[ continua ]

LE DETRAZIONI PER LE SPESE SCOLASTICHE E UNIVERSITARIE

11-04-2018 17:19 Fonte: www.ecnews.it - IRPEF
[ continua ]

L´applicazione della ritenuta nelle locazioni brevi

12-03-2018 16:34 Fonte: www.ecnews.it - NEWS GENERICHE
[ continua ]

NUOVO CALENDARIO FISCALE 2018

06-02-2018 16:34 Fonte: www.ecnews.it - NEWS GENERICHE
[ continua ]

ALIQUOTE IVA 2018

16-01-2018 16:13 Fonte: www.ecnews.it - IVA
[ continua ]

IVA COMMERCIO ELETTRONICO

[]

VADEMECUM DEL MEDICO PROFESSIONISTA

[]
TheSpider.it - web directory italiana

ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

[]

La cartella esattoriale

[]

SPESE MANUTENZIONE ART. 102 TUIR

[]

Regime supersemplificato

[]
Segnalato sulla Directory Yoweb.it

Iva per cassa

[]

Scheda carburante

[]

SUPERBOLLO

[]

Modulistica

[]

L´esperto risponde

[]

Scadenziario

[<<] [Dicembre 2018] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio