15 Dicembre 2018
[]

News
percorso: Home > News > NEWS GENERICHE

Ammortamento dei beni strumentali per il professionista nel 2016

21-03-2016 16:38 - NEWS GENERICHE
I beni strumentali sono i beni destinati ad essere impiegati nell’attività lavorativa e che non esauriscono la loro utilità in un solo esercizio. Nel trattamento contabile e fiscale di questi beni occorre tenere presente:

•il costo sostenuto per l’acquisto (se l’importo è stato maggiore o inferiore di 516.46 euro)

•la deducibilità fiscale consentita (se il bene cioè è totalmente deducibile o meno)

•il regime del professionista (regime ordinario, di vantaggio, minimo, forfetario).

Di seguito un riepilogo delle varie casistiche, tenendo presente il super ammortamento, cioè la maggiorazione al 140% del costo d’acquisto per i beni strumentali nuovi acquistati tra il 15/10/2015 e il 31/12/2016, come introdotto dalla Legge di stabilità 2016.

Ammortamento beni strumentali: le novità 2016

Gli acquisti di beni strumentali, ovvero di beni che sono funzionali all’attività professionale e che non esauriscono la loro utilità in un solo esercizio, sono costi che il professionista sostiene e che, poiché inerenti alla sua attività, possono essere dedotti dal reddito professionale.

Prima di analizzare le diverse categorie di beni strumentali è necessario fare una premessa sul costo d’acquisto del bene e suddividere i beni in due categorie:

•Beni di costo unitario > 516,46 €: I beni con un valore unitario maggiore di 516, 46 euro vanno ammortizzati in quote annuali secondo i coefficienti previsti dal D.M. 31/12/1988 così che il professionista potrà dedurre ogni anno una quota del costo complessivo sostenuto.

•Beni di costo unitario ≤ 516,46 €: I beni di importo unitario inferiore a 516,46 euro possono essere registrati come costi di esercizio e dedotti integralmente dal reddito nell’esercizio in cui sono stati acquistati, oppure è possibile ammortizzare il costo in quote costanti nell’esercizio in corso e in quelli successivi.

La legge di stabilità 2016 ha introdotto un’importante novità (L.208/2015 art. 1 commi 91 e 92). Per gli acquisti di beni strumentali nuovi acquistati dal 15/10/2015 al 31/12/2016 è possibile fare il c.d super ammortamento, cioè è prevista una maggiorazione al 140 % del valore fiscale del bene, rilevata in maniera extra contabile.

Fermo restando il requisito temporale (acquisto tra il 15/10/2015 e il 31/12/2016) e quello della novità, il super ammortamento è previsto per i beni strumentali indipendentemente dall’importo (cioè il costo può essere sia maggiore o sia inferiore a 516.46 euro).

La deducibilità degli ammortamenti in UNICO 2016

Le quote di ammortamento dei beni strumentali vanno indicati nel rigo RE 7 del Modello Unico 2016 ma è necessario prestare attenzione alle diverse tipologie di beni:

•beni a uso esclusivo dell’attività → deducibili al 100%. Sono beni che vengono usati esclusivamente nell’esercizio di arti e professioni e sono deducibili al 100%, come nel caso di mobili e arredo d’ufficio, dei computers, dei macchinari per l’ufficio e così via.

•beni a uso promiscuo: → deducibili al 50%. Sono beni utilizzati sia nell’esercizio di arti e professioni sia per attività personali estranee all’attività.

•beni a deducibilità limitata: → deducibili in base alle % previste dal legislatore. Sono beni per cui il legislatore fiscale ha previsto una presunzione di utilizzo promiscuo predeterminata e pertanto hanno una percentuale di deducibilità inferiore rispetto all’intero costo (es. 80% per cellulari, smartphone,..20% per autovetture, autocaravan, motocicli e ciclomotori; 70% per autovetture concesse in uso promiscuo ai dipendenti).

Ammortamento cellulare: come si deduce il costo nel 2016

Vediamo un esempio su come dedurre il costo del telefono cellulare (lo stesso trattamento è previsto per gli smartphone) nell’ipotesi in cui il costo sia maggiore o minore di 516.46 euro e che abbia i requisiti per il super ammortamento.

Ipotesi in cui il costo del cellulare sia maggiore di 516.46 euro e sia acquistato il 01/12/2015

1.Costo di acquisto: 1000 + Iva 22%- 220= tot.1220. Per il principio di inerenza utilizzando il bene in modo promiscuo per semplicità detraggo il 50% dell’iva (110 euro) e il rimanente importo di iva indeducibile la capitalizzo.

2.Costo: 1110 (1000+110).

3.Con la maggiorazione del costo al 40% con il Super Ammortamento, l’importo rilevante ai fini fiscali è 1554 euro.

4.A questo punto calcolo la quota di ammortamento del 20% pari a euro 310,80 e detraggo l’importo consentito fiscalmente pari a euro 248,64 (80%).

Ipotesi in cui il costo del cellulare sia minore di 516.46 euro e sia acquistato il 01/12/2015

1.Costo di acquisto: 300 euro + 66 di Iva = 366. Per il principio di inerenza utilizzando il bene in modo promiscuo, detraggo per semplicità il 50% dell’iva (33 euro) e la restante parte la imputo a costo.

2.Costo: 333 euro (300+33).

3.Con la maggiorazione del costo al 140% grazie al super ammortamento, l’importo rilevante ai fini fiscali è 466 euro deducibile per l’importo di euro 373 (pari all’80%).
Se il bene di costo inferiore a 516,46 per effetto del super ammortamento supera il limite consentito, non si perde il diritto alla deducibilità immediata nell’esercizio.

La deducibilità dei beni strumentali per i contribuenti c.d minimi

Per i contribuenti aderenti al regime dei Minimi, così come disciplinati dall’art. 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, bisogna distinguere tra:

•beni a uso promiscuo → deducibili al 50%, indipendentemente dalle specifiche limitazioni previste dalle norme del TUIR. In particolare c’è una presunzione di promiscuità per cui si deducono al 50% autovetture, autocaravan, ciclomotori, motocicli e telefonia così come tutte le spese ad essi inerenti (es. lubrificanti, tasse di possesso, assicurazioni e altri costi per autoveicoli, leasing, telefonia).

•beni a uso esclusivo → deducibili al 100%

In entrambi i casi non si procede all’ammortamento ma il costo è deducibile nell’esercizio di sostenimento.

La deduzione dei beni strumentali per i forfetari

Per i contribuenti aderenti al regime forfetario così come disciplinato dall’art. 1, commi dal 54 a 89, della legge n.190/2014 (Legge di stabilità 2015), i redditi vanno indicati nel quadro LM-Sezione II dell’UNICO 2016. La deduzione dei costi sostenuti nel corso dell’esercizio non è analitica ma viene fatta in maniera forfetaria sulla base della tabella presente all’allegato 4 della Legge di stabilità 2015.










Fonte: wwww.fiscoetasse.com

Ufficio autorizzato Caf CGN

News

AGRITURISMO

15-11-2018 17:48 Fonte: www.ecnews.it - AGRICOLTURA
[ continua ]

Responsabilità e dichiarazione precompilata

29-08-2018 16:54 Fonte: www.ecnews.it - IRPEF
[ continua ]

LE DETRAZIONI PER LE SPESE SCOLASTICHE E UNIVERSITARIE

11-04-2018 17:19 Fonte: www.ecnews.it - IRPEF
[ continua ]

L´applicazione della ritenuta nelle locazioni brevi

12-03-2018 16:34 Fonte: www.ecnews.it - NEWS GENERICHE
[ continua ]

NUOVO CALENDARIO FISCALE 2018

06-02-2018 16:34 Fonte: www.ecnews.it - NEWS GENERICHE
[ continua ]

ALIQUOTE IVA 2018

16-01-2018 16:13 Fonte: www.ecnews.it - IVA
[ continua ]

IVA COMMERCIO ELETTRONICO

[]

VADEMECUM DEL MEDICO PROFESSIONISTA

[]
TheSpider.it - web directory italiana

ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

[]

La cartella esattoriale

[]

SPESE MANUTENZIONE ART. 102 TUIR

[]

Regime supersemplificato

[]
Segnalato sulla Directory Yoweb.it

Iva per cassa

[]

Scheda carburante

[]

SUPERBOLLO

[]

Modulistica

[]

L´esperto risponde

[]

Scadenziario

[<<] [Dicembre 2018] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio